CONVEGNI

CIRCOLARI

PUBBLICAZIONI

WEB INFODAY

WEBDESK

CONTATTI

Le ultime...

Il D.L. 83/2020, contenente misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica, è stato convertito, con modificazioni, in L. 124/2020, in vigore dal 29 settembre scorso.

Il D.L. 125/2020, in vigore dall’8 ottobre 2020, ha poi disposto le principali proroghe consequenziali a quella dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021, modificando anche il D.L. 83/2020, già convertito in Legge: in particolare, è prevista la proroga fino al 31 dicembre 2020 dei termini previsti dalle disposizioni presenti nell'allegato 1 al Decreto, salvo quanto previsto ai numeri 3 e 32 dell'allegato medesimo. Per quanto più di interesse, il numero 32 richiama l’articolo 90, D.L. 34/2020, che stabilisce, tra l’altro, che la modalità di lavoro agile possa essere applicata dai datori di lavoro privati a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti (c.d. modalità semplificata), fino alla cessazione dello stato di emergenza e comunque non oltre il 31 dicembre 2020. Pertanto, le modalità semplificate di comunicazione del lavoro agile già in uso potranno essere utilizzate fino al 31 dicembre prossimo a termini di norma.

L’articolo 6, D.L. 104/2020, c.d. Decreto Agosto, ha previsto l’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per le nuove assunzioni a tempo indeterminato, effettuate a decorrere dal 15 agosto 2020 e sino al 31 dicembre 2020, di lavoratori, con esclusione dei contratti di apprendistato e di lavoro domestico, esteso dall’articolo 7 alle assunzioni a tempo determinato o con contratto di lavoro stagionale nei settori del turismo e degli stabilimenti termali, nel medesimo arco temporale, limitatamente al periodo dei contratti stipulati e comunque sino a un massimo di 3 mesi.

Con la circolare n. 133/2020, l’Inps ha fornito le indicazioni e le istruzioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi alle predette misure di esonero contributivo.

L’articolo 12, D.L. 137/2020, provvede a prorogare ulteriormente gli ammortizzatori sociali connessi all’emergenza epidemiologica da COVID-19 (Cigo, Cigd, Aso e Cisoa), per una durata massima di 6 settimane, da collocarsi nel periodo ricompreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021. I periodi di integrazione precedentemente richiesti e autorizzati ai sensi dell’articolo 1, D.L. 104/2020, convertito con modificazioni dalla L. 126/2020, collocati, anche parzialmente, in periodi successivi al 15 novembre 2020, sono imputati, ove autorizzati, alle 6 settimane previste dal Decreto Ristori.

 

GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

UniEmens: aggiornamento codici contratto da dicembre 2020

L’Inps, con messaggio n. 4314 del 17 novembre 2020, ha istituito, con decorrenza dal periodo di paga dicembre 2020, 4 codici dell’elemento <CodiceContratto> della sezione <PosContributiva> del flusso di denuncia UniEmens:

  • 549, relativo al “CCNL metalmeccanico artigianato - CONFLAVORO PMI” (codice CNEL C049);
  • 550, relativo al “CCNL addetti all’industria metalmeccanica privata ed alla installazione impianti - CONFLAVORO PMI” (codice CNEL C053);
  • 551, relativo al “CCNL per il personale dipendente dalle realtĂ  del settore socio sanitario assistenziale educativo – ANASTE” (codice CNEL T131);
  • 552, relativo al “CCNL per la regolamentazione del lavoro giornalistico nelle imprese di radiodiffusione sonora e televisiva di ambito locale, loro sindycations e agenzie di informazione radiofonica e televisiva – AERANTI CORALLO” (codice CNEL G033).

Sempre con decorrenza dicembre 2020 viene disattivato il codice contratto 310 (codice CNEL C01V), in quanto relativo a contratto disdettato dalle parti contraenti.

(Inps, messaggio, 17/11/2020, n. 4314)

Dimissioni volontarie: indicazioni per i soggetti abilitati che riscontrino difficoltĂ 

Il Ministero del lavoro, con notizia del 16 novembre 2020, ha precisato che eventuali problemi nell'invio della comunicazione delle dimissioni volontarie da parte dei soggetti abilitati, a seguito del passaggio a Spid, potranno essere risolti compilando il modulo cartaceo disponibile al link https://www.lavoro.gov.it/notizie/Documents/Modulo_Dimissioni_Volontarie.pdf e inviandolo via Pec al datore di lavoro e, per conoscenza, all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per i soggetti abilitati che dovessero incontrare ulteriori difficoltà, è possibile aprire un ticket direttamente attraverso l'URPonline inserendo nome, cognome, codice fiscale e soggetto di appartenenza, al fine di accelerare la risoluzione delle anomalie.

(Ministero del lavoro e delle politiche sociali, notizia, 16/11/2020)

Dimissioni telematiche: introdotte due nuove funzionalitĂ 

Il Ministero del lavoro, con nota n. 3575 del 9 novembre 2020, ha illustrato 2 nuove funzionalitĂ  della procedura di dimissioni telematiche, introdotte per una maggior tutela della privacy, su sollecitazione del Garante per la protezione dei dati personali:

  • la prima, giĂ  operativa, consente a un operatore rappresentante di un soggetto abilitato di poter consultare esclusivamente le dimissioni inviate personalmente ovvero di ricercarle solo attraverso l’inserimento di uno specifico codice rilasciato al momento della comunicazione;
  • la seconda, operativa dal 15 novembre 2020, prevede la sottoscrizione di una delega, il cui fac simile è allegato alla nota in commento, che il lavoratore e l’operatore che lo assiste devono sottoscrivere prima della comunicazione di dimissione (o risoluzione consensuale o revoca) telematica.

(Ministero del lavoro e delle politiche sociali, nota, 9/11/2020, n. 3575)

COVID: l’INL illustra le novità del D.L. Agosto e del Decreto Ristori

L’INL, con nota n. 963 del 5 novembre 2020, ha evidenziato le modifiche apportate in sede di conversione in L. 126/2020 del D.L. 104/2020 e le disposizioni di interesse contenute nel D.L. 137/2020:

  • articolo 8, D.L. 104/2020 - proroga o rinnovo di contratti a termine e di contratti di somministrazione: fino al 31 dicembre 2021, in tutti i casi in cui il lavoratore è assunto a tempo indeterminato dall’agenzia di somministrazione, l’utilizzatore può impiegarlo a tempo determinato per periodi di missione superiori a 24 mesi, anche non continuativi, senza che ciò comporti la costituzione in capo allo stesso utilizzatore di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Tale possibilitĂ  è concessa alla duplice condizione che il lavoratore abbia stipulato con l’agenzia di somministrazione un contratto di lavoro a tempo indeterminato e che la stessa abbia comunicato all’utilizzatore la suddetta tipologia di assunzione;
  • articolo 14, D.L. 104/2020 e articolo 12, D.L. 137/2020 - disposizioni in materia di licenziamento e di cassa integrazione: l’articolo 12, commi 9, 10, 11, D.L. 137/2020, interviene sul divieto di licenziamento, prorogandolo fino al 31 gennaio 2021. Inoltre, il medesimo articolo 12 disciplina la fruizione della cassa integrazione per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19 per una durata massima di 6 settimane dal 16 novembre fino al 31 gennaio 2021 e regola la fruizione, alternativa al trattamento di integrazione salariale, dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali;
  • articolo 13, D.L. 137/2020 - sospensione versamenti di contributi e premi per i dipendenti delle aziende dei settori economici interessati dalle nuove misure restrittive: i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria dovuti per la competenza del mese di novembre 2020 per i datori di lavoro che hanno la sede operativa nel territorio dello Stato, appartenenti ai settori di cui all’allegato 1, D.P.C.M. 24 ottobre 2020, dovranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 16 marzo 2021 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 marzo 2021;
  • lavoro agile: gli articoli 21-bis (modificato dall’articolo 22, D.L. 137/2020) e 21-ter, D.L. 104/2020, disciplinano, rispettivamente, il lavoro agile e il congedo straordinario per i genitori durante il periodo di quarantena obbligatoria del figlio convivente per contatti scolastici e il lavoro agile per genitori con figli con disabilitĂ .

(INL, nota, 5/11/2020, n. 963)

D.P.C.M. 3 novembre 2020: le Faq 

Sul sito del Consiglio dei Ministri è stata pubblicata la pagina dedicata alle Faq sulle misure anti-contagio da COVID-19 adottate dal Governo con il D.P.C.M. 3 novembre 2020, suddivise nelle 3 aree di rischio.

(Consiglio dei Ministri, Faq)

Cooperative sociali: modalitĂ  semplificata di rimborso spese ai volontari

Il Ministero del lavoro, con nota n. 10979 del 22 ottobre 2020, ha precisato che ai soci volontari di una cooperativa sociale (impresa sociale ex lege ai sensi del D.Lgs. 112/2017) è applicabile la previsione contenuta nell’articolo 17, comma 4, D.Lgs. 117/2017 (Codice del Terzo settore), che prevede una modalità di rimborso “semplificata” per le spese sostenute dai volontari, in deroga alla regola generale secondo cui ai volontari che prestino la propria attività per gli enti del Terzo settore le spese sostenute possono essere rimborsate solo a fronte della presentazione della integrale documentazione probatoria.

(Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, nota, 22/10/2020, n. 10979)

COVID-19: nuovo modulo di autodichiarazione per gli spostamenti

Il Ministero dell’interno, in data 5 novembre 2020, ha pubblicato il nuovo modulo di autodichiarazione editabile, che potrà essere esibito durante i controlli di Polizia a giustificazione degli spostamenti.

(Ministero dell’interno, modulo spostamenti, 5/11/2020)

 

Nel quadro delle misure adottate per il sostegno e il rilancio dell’economia a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, è stato introdotto dal c.d. Decreto Agosto un esonero dal versamento dei contributi previdenziali per le aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione. In particolare, è previsto, in favore dei datori di lavoro del settore privato, con esclusione di quello agricolo, un esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico, fruibile entro il 31 dicembre 2020 a condizione che i medesimi datori non richiedano i nuovi interventi di integrazione salariale.

Possono accedere all’esonero i datori di lavoro che abbiano già fruito, nei mesi di maggio e giugno 2020, degli interventi di integrazione salariale di cui agli articoli da 19 a 22-quinquies, D.L. 18/2020, ossia dei trattamenti Cigo, Cigd e assegni ordinari, riconosciuti secondo la disciplina posta in relazione all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

È stato pubblicato sulla G.U. n. 275 del 4 novembre 2020, S.O. n. 41, il D.P.C.M. 3 novembre 2020, che, considerati l'evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento dei casi sul territorio nazionale, stabilisce ulteriori misure restrittive finalizzate al contenimento dei contagi.

Studio Associato
Consulenti del Lavoro
Salvatore Lapolla e Carlo Cavalleri

TP Service SocietĂ  tra Professionisti Srl
Via Corsica, 9/2 B
16128 GENOVA
Tel: 010 5455 511
Fax: 010 5704028

 

Questo sito fa uso di Cookie per supportare l'attivitĂ  di navigazione.