CONVEGNI

CIRCOLARI

PUBBLICAZIONI

WEB INFODAY

WEBDESK

CONTATTI

Le ultime...

 

Gestione del rapporto di lavoro

Firmata la convenzione tra INL e Ministero del Lavoro per il 2023 - 2025

In data 20 gennaio 2023 è stata presentata la Convenzione triennale tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l'INL per gli esercizi 2023-2025, al fine di regolare i rapporti tra Ministero e Ispettorato e, in particolare:

a) gli obiettivi attribuiti all'Ispettorato, nell'ambito delle attività a esso demandate finalizzate alla tutela sostanziale dei rapporti e delle condizioni di lavoro, da realizzarsi anche attraverso il contrasto del lavoro nero e irregolare e delle forme di interposizione illecita di manodopera, nonché́ al contrasto all’accesso indebito a prestazioni sociali sottoposte alla prova dei mezzi, mediante dichiarazioni mendaci in merito alla sussistenza di redditi da lavoro;

b) le risorse finanziarie disponibili per il raggiungimento degli obiettivi assegnati all'Ispettorato;

c) le strategie per il miglioramento dei servizi;

d) le modalità di verifica dei risultati di gestione;

e) le modalità necessarie ad assicurare al Ministro del lavoro e delle politiche sociali la conoscenza dei fattori gestionali interni all'Ispettorato, quali l'organizzazione, i processi e l'uso delle risorse. 

(INL, Ministero del lavoro, convenzione 20 gennaio 2023)

Aggiornamento degli oneri di pagamento del bonifico bancario domiciliato per l’erogazione dei compensi relativi ai Presto

L’Inps, con il messaggio 27 gennaio 2023, n. 410, rende noto che gli oneri di pagamento del bonifico bancario domiciliato a carico del prestatore, trattenuti sul compenso spettante allo stesso, sono aggiornati all’importo di 3,84 euro, in seguito alla sottoscrizione del rinnovo del contratto tra Inps e Poste Italiane Spa. Tale importo deriva dal costo relativo al pagamento in contante di 1,75 euro, più il costo della spedizione della lettera di 1,71 euro, maggiorato dell’Iva pari al 22%.

(Inps, messaggio, 27 gennaio 2023, n. 410)

 

 

Imposte, contributi e premi

Nuovo allegato tecnico Uniemens

L’Inps ha reso disponibile la nuova realise dell’allegato tecnico 4.16.6 del 20 gennaio 2023, contenenti le possibili codifiche degli elementi utili alla predisposizione del flusso Uniemens: in particolare, l’Inps rende operativa la codifica (Inps, circolare n. 7/2023) prevista per esporre il nuovo esonero contributivo (contribuzione IVS), a favore dei dipendenti, disposto per l’anno 2023, dalla Legge di Bilancio 2023 (articolo 1, comma 281, L. 197/2022).

(Allegato tecnico 4.16.6 del 20 gennaio 2023)

Fondo pensione sportivi professionisti per calcio femminile di serie A

L'Inps, con la circolare 20 febbraio 2023, n. 24, illustra le disposizioni normative e amministrative relative all’estensione dell’obbligo di iscrizione al Fondo pensione sportivi professionisti, a decorrere dal 1° luglio 2022, in seguito al passaggio al professionismo sportivo del calcio femminile relativamente al Campionato di Serie A.

(Inps, circolare, 20 febbraio 2023, n. 24)

Contributi volontari 2023

L'Inps, con la circolare 20 febbraio 2023, n. 22, ha comunicato gli importi dei contributi dovuti per l’anno 2023 dai prosecutori volontari – compresi i giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti - a seguito della variazione annuale dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

(Inps, circolare, 20 febbraio 2023, n. 22)

 

Prestazioni assistenziali e previdenziali

Rinnovo delle pensioni di importo superiore a 4 volte il trattamento minimo per l’anno 2023. 

L’Inps, con circolare 10 febbraio 2023, n. 20 ha fornito importanti chiarimenti in ordine al rinnovo delle pensioni di importo superiore a 4 volte il trattamento minimo per l’anno 2023, a seguito di quanto previsto dall’articolo 1, comma 309, della L. 29 dicembre 2022, n. 197: in particolare, a integrazione della circolare Inps n. 135/2022, si illustrano i criteri e le modalità applicative della rivalutazione delle pensioni di importo superiore a quattro volte il trattamento minimo.

(Inps, circolare, 10/2/2023, n. 20)

Lavoro post prepensionamento giornalisti professionisti

L’Inps, con messaggio 10 febbraio 2023 n. 644, ha fornito importanti chiarimenti in merito allo svolgimento dell’attività lavorativa successiva al prepensionamento di cui all’articolo 37, comma 1, lettera b), della L. 5 agosto 1981, n. 416, in favore dei giornalisti professionisti.

In particolare, l’Inps ricorda che, a fare data dalla sua decorrenza, la pensione liquidata ai sensi dell’articolo 37, comma 1, lettera b), della L. 416/1981 è incompatibile con l’attività lavorativa, subordinata e autonoma, prestata in Italia e all’estero presso l’azienda che ha dato luogo al prepensionamento o presso un’altra azienda facente capo al medesimo gruppo editoriale.

Pertanto, il trattamento pensionistico è revocato dal primo mese in cui il pensionato svolge l’attività lavorativa presso tali aziende.

Viceversa, la pensione liquidata ai sensi dell’articolo 37, comma 1, lettera b), della L. 416/1981, è compatibile con l’attività lavorativa presso datori di lavoro diversi da quella in cui ha avuto luogo il prepensionamento.

Pertanto, a decorrere dal 1° luglio 2022, il trattamento derivante dal prepensionamento in oggetto è cumulabile con i redditi derivanti da rapporti di lavoro dipendente o autonomo.

(Inps, messaggio, 10/2/2023, n. 644)

Comunicazione reddito presunto per NASpI

L'Inps, con messaggio 23 febbraio 2023, n. 790, ricorda che per le prestazioni di disoccupazione NASpI in corso di fruizione, in riferimento alle quali durante l’anno 2022 è stata effettuata la dichiarazione relativa al reddito annuo presunto, è necessario comunicare il reddito presunto riferito al 2023. tale comunicazione è urgente affinché possano essere riemesse in pagamento le prestazioni NASpI la cui erogazione è stata “sospesa”, in assenza al 31 gennaio 2023 della predetta comunicazione. L'adempimento è indispensabile anche se il reddito annuo presunto per il 2023 è pari a “zero”.

(Inps, messaggio, 23/2/2023, n. 790)

Pensione anticipata flessibile: al via le domande

L'Inps, con messaggio 21 febbraio 2023, n. 754, comunica che il sistema di gestione delle domande di pensione è stato implementato per consentire la presentazione dell’istanza di pensione anticipata flessibile di cui all’articolo 1, commi 283 e 284, della legge 29 dicembre 2022, n. 197. Con successiva circolare saranno fornite ulteriori istruzioni.

Le domande di prestazione possono essere presentate attraverso i seguenti canali:

  • direttamente dal sito internet www.inps.it, accedendo tramite Spid almeno di Livello 2, Cns o Cie e seguendo il percorso: “Pensione e previdenza” > “Domanda di pensione” > Area tematica “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, Ecocert, Ape Sociale e Beneficio precoci”;
  • utilizzando i servizi telematici offerti dagli Istituti di Patronato riconosciuti dalla legge;
  • chiamando il Contact Center Integrato al numero verde 803164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06164164 (da rete mobile a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

(Inps, messaggio, 21/2/2023, n. 754)

 

Auspicando di aver fatto cosa gradita andando ad esaminare gli argomenti, rimaniamo a Vs. completa disposizione per ogni eventuale ed ulteriore chiarimento che si rendesse necessario.

Con l’occasione porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Studio Associato
Consulenti del Lavoro
Salvatore Lapolla e Carlo Cavalleri

Studio Associato
Consulenti del Lavoro
Salvatore Lapolla e Carlo Cavalleri

TP Service Società tra Professionisti Srl
Via Corsica, 9/2 B
16128 GENOVA
Tel: 010 5455 511
Fax: 010 5704028

 

Questo sito fa uso di Cookie per supportare l'attività di navigazione.